Differenze tra le versioni di "Gaio Sallustio Crispo"

→‎Citazioni: +1. Il testo latino è tratto dall'edizione citata, che è appunto bilingue. Elimino gli "a capo" e un tag <br> che non mi sembrano previsti dalle convenzioni
(+sezione note)
(→‎Citazioni: +1. Il testo latino è tratto dall'edizione citata, che è appunto bilingue. Elimino gli "a capo" e un tag <br> che non mi sembrano previsti dalle convenzioni)
 
===Citazioni===
<br />
 
*Infatti la fama delle ricchezze e della bellezza è fugace e fragile, la virtù è considerata illustre ed eterna.<ref name=":0" />
 
:''Nam divitiarum et formae gloria fluxa atque fragilis est, virtus clara aeternaque habetur''. (1.4)<ref name=":1">testo latino tratto da ''C.Sallusti Crispi Catilina. Iugurtha. Historiarum fragmenta selecta Appendix Sallustiana'' ,recognovit L.D. REYNOLDS, OXONII 1991 </ref>
 
*Volere e non volere le stesse cose, questa è la vera amicizia.<ref name=":0" />
 
:''Nam idem velle atque idem nolle, ea demum firma amicitia est''. (20, 4)<ref name=":1" />
 
*Più grande è la fortuna, tanto minore la libertà d'azione.<ref name=":0" />
 
:''Ita in maxuma fortuna minuma licentia est''. (51, 13)<ref name=":1" />
*[...] un non far guerra e non aver pace [...]. (31; 1998)
 
:[...] ''neque bellum gerere neque pacem habere'' [...].
*Ma chi avrà da ridire su una punizione decretata contro assassini dello Stato? Le circostanze il tempo la sorte, il cui capriccio governa le genti.<ref name=":0" />
 
:''At enim quis reprehendet quod in parricidas rei publicae decretum erit? Tempus dies fortuna, quoius lubido gentibus moderatur''.(51,25)<ref name=":1" />
 
*Tutte le [[bontà e cattiveria|cattive]] azioni derivano e prendono a esempio delle [[bontà e cattiveria|buone]] azioni. (Cesare, commentando il precedente che costituirebbe la messa a morte di un cittadino romano: 51,27)<ref name=":0" />
 
:''Omnia mala exempla ex rebus bonis orta sunt''.<ref name=":1" />
 
*È sempre chi ha più paura in battaglia a correr maggior pericolo [...] .Ma infine se la Fortuna fosse sfavorevole al vostro valore, io vi esorto a non perdere la vita invendicati. (Catilina)<ref name=":0" />
 
:''Semper in proelio iis maxumum est periculum, qui maxume timent.[...] Quod si virtuti vostrae fortuna inviderit, cavete ne inulti animam amittatis''. (58,17-21)<ref name=":1" />