Differenze tra le versioni di "Gianfranco Civolani"

Fonte per una delle citazioni annullate. "State benone", così nella fonte. Per le altre non sono riuscito a trovare una fonte. Come si può vedere, anche le citazioni annullate possono essere reinserite, basta farlo nel modo giusto.
(Non c'è la fonte. Se reinserite con la fonte vanno bene.)
(Fonte per una delle citazioni annullate. "State benone", così nella fonte. Per le altre non sono riuscito a trovare una fonte. Come si può vedere, anche le citazioni annullate possono essere reinserite, basta farlo nel modo giusto.)
 
*Mia madre ha quattro anni meno del [[Bologna Football Club 1909|Bologna]]: mia madre sta benissimo, il Bologna no.<ref>Dal programma radiofonico ''Lui e Lei'', Radio Nettuno, 3 ottobre 2008.</ref>
*Provo a dire, io che l'ho visto e ammirato in campo e che con lui ho dialogato particolarmente quando d'estate andavo a trovarlo a Grado e lui mi spiegava e mi raccontava, lui che aveva fama di carattere dolce e levigato come la carta vetrata. Dimmi come era [[Fabio Capello|Capello]] e come giocava. Faceva correre la palla, apriva e spalancava gli occhi anche per gli altri. E non faceva tanti gol, ma tutti importanti, quarantaquattro in campionato e anche otto in azzurro, con quel memorabile gol a Wembley, un gol che fece lacrimare una classe operaia che lassù nell'Isola per un attimo si sentì in Paradiso. E sapeva vivere.<ref>Da ''Tanto di cappello al calciatore Capello'', ''Guerin Sportivo'', maggio 2015, p. 9.</ref>
*{{NDR|frase conclusiva delle sue rubriche televisive e dei suoi pezzi giornalistici}} State benone.<ref>Citato in Margherita Bianchini, ''101 cose da fare a Bologna almeno una volta nella vita'', Newton Compton, Roma, [https://books.google.it/books?id=Yk55attlc4UC&pg=PT248&dq=&sa=X&ved=0ahUKEwiZ-Z3mjI3mAhXS_aQKHZZZBxsQ6AEILTAB#v=onepage&q&f=false p. 248]. ISBN 978-88-541-2546-9</ref>
 
==Note==