Carlo Porta: differenze tra le versioni

297 byte aggiunti ,  2 anni fa
*[...] ''de podè nanca vess indifferent | sulla scerna del boja che ne scanna.''<ref>Sulla restaurazione Austriaca del 1815, ricordando l'occupazione francese.</ref> (da ''Paracar che scappée de Lombardia'')
*''El serà vera fors quell ch'el dis lu | che [[Milano|Milan]] l'è on paes che mett ingossa, | che l'aria l'è malsana, umeda, grossa, | e che nun Milanes semm turlurù...''. (da ''Le poesie'', citato in [[Fruttero & Lucentini]], ''Íncipit'', Mondadori, 1993)
*''I paroll | d'on lenguagg, car sur Gorell, | hin ona tavolozza de color, | che ponn fà el quader brutt, e el pon fà bell | segond la maestria del pittor.'' (da ''Poesie'', con testo a fronte, introduzione, commenti e note di Gennaro Barbarisi e Guido Bèzzola, Garzanti, Milano, 1975, p. 60.)
*''N'han miss tucc in stat de perfezion, | Col degiun, col silenzi, col trann biott | E col beato asperges del baston''. (da ''Catolegh, apostolegh e roman'', in "Poesie di C. P. rivedute sugli originali e annotate da un milanese", Milano, 1887, p. 613)
*''Per mí l'[[acqua]], se l'è bona, | l'è domà per lavà i piatt''. (da ''Brindes de Meneghin all'ostaria'', in ''Poesie'')