Differenze tra le versioni di "Marco Pola"

727 byte aggiunti ,  1 anno fa
→‎Opera poetica: Inserimento citazione
(→‎Citazioni di Marco Pola: Inserimento citazione)
(→‎Opera poetica: Inserimento citazione)
===Citazioni===
*''Scominzia a piover. Taca a tonezar. | Se vede la Maranza col capèl. | Le nùgole le boie, le vòl nar. | E s'ciòca 'na frasèla sul pu bel. || Vardo la zènt. I scanpa su la strisa | del salesà, negadi fin al pè. | E dir che i poderìa star chì 'n camisa, | con tuti i busi e i pòrteghi che gh'è! || Lassè che 'l piova! L'acqua che ciapén | l'èi de la Val dei Mòcheni<ref>La Val dei Mòcheni, in Trentino, è un'isola linguistica germanofona di origine medievale. {{Cfr}}[[w:Valle dei Mocheni|voce]] su Wikipedia.</ref>e la ga | en bonodor de pégore e de fén, | de zìgole e de lardo fumegà. || Còssa volé de pù da 'n temporal...'' (da ''Temporal''; in ''Le fize del sofà'', p. 89)
*''Maria, sto persegar che è vegnù al mondo | cossì, senza saverlo, come ti, | sarà 'l pò quel'ossét che 'l Toni Róndola<ref>Toni Róndola, ossia Antonio Rondine, è lo pseudonimo con cui Marco Pola ha firmato le sue prime opere in dialetto trentino. Vedi Alessandro Franceschini, ''Introduzione''; in Marco Pola, ''Opera poetica'', La Finestra editrice, Trento, 2006, p. XXXIX.</ref> | da matelòt l'aveva butta lì? | O èl forsi quel'insogni che se perde | lontan e che ò dovù desmentegar? | Chissà! Ma 'ntant fra le vaneze verde, | sotil come na pàia de forment, | fra i zighi dele pégore e del vent | Maria Lumeta è nat 'n persegar.'' (Da ''È nat en persegar''; in ''Maria Lumeta e altre storie'', p. 152)
*''A na vita che brusa | come na fassina | de sarmentèi | butada sule brase | del fogolar, | no gh'è rimedi. | La brusa e basta. | Ma dal calor che ven dala sfiamada, | signor fa che non resta demò zendro!| | Se nò percòssa viver e brusar?'' (da ''Parole''; in ''Na strada per encontrarse'', p. 308)
*''Noi che gavén la vita | e la passén ai altri | come se fussa 'n zòc, | noialtri, ma chi sente? | Viazadori del temp e del'amor, | i trasmisseri dele nòsse pene | secrete o zogadori e basta? || Signor, se te me scolti, | fa cascar 'n fil de luce | su sto mùcio de carne e de pensieri | che se nega pian piano entél so mar, | fra l'ansia de saver e la paura | de no capir percòssa che 'l gh'è al mondo.'' (da ''Cartoline de autun''; in ''Veronica dei paesi'', p. 315)
9 999

contributi