Differenze tra le versioni di "Marco Pola"

622 byte aggiunti ,  1 anno fa
→‎Opera poetica: Inserimento citazione
(→‎Opera poetica: Inserimento citazione)
(→‎Opera poetica: Inserimento citazione)
*''Noi che gavén la vita | e la passén ai altri | come se fussa 'n zòc, | noialtri, ma chi sente? | Viazadori del temp e del'amor, | i trasmisseri dele nòsse pene | secrete o zogadori e basta? || Signor, se te me scolti, | fa cascar 'n fil de luce | su sto mùcio de carne e de pensieri | che se nega pian piano entél so mar, | fra l'ansia de saver e la paura | de no capir percòssa che 'l gh'è al mondo.'' (da ''Cartoline de autun''; in ''Veronica dei paesi'', p. 315)
*''Vendo le mè poesie come brugne madure | apena tolte zo da la brugnara. | Le vendo a zeste, a sachi, a bène, a cari, | a treni, a bastimenti 'ntreghi, | finché ghe n'è, che i vegna pura | quei che ne vòl, le belle brugne fresche | ghe le dago anca a credito, | ma ades, perché doman l'è massa tardi, se fermerà 'l marcà, no i troverà che i pègoi... | Vendo le brugne! Vendo le brugne!'' (da ''Cartoline de autun''; in ''Veronica dei paesi'', p. 321)
*''Veronica, | ò vist ancora scrit sora i mureti | quel tò nome che rùdola 'nté la boca | come 'n bòmbo che no se desfa mai. || E ti sei contenta | de lézerlo, perché te sai | chi che l'à scrit e còssa | che 'l te ricorda. || E i è contenti anca i caradori | che torna dal mercà sul calar della sera. | No gh'è che i matelòti che no i sa, | che i ride e i ride | e forsi i finirà per scancelarlo. | Ma sora quei mureti, | ghe resterà su l'ombra del tò nome | forsi per sempre, e sarà come véderte, | come sentirte ancora fresca e zóvena.'' (da ''Cartoline de autun''; in ''Veronica dei paesi'', p. 322)
*''Al tò paés i ciàcera, Veronica, | come 'n tuti i paesi | del mondo. | Le ciàcere le gira | e te ghe sei en mèz, | i vèci i dis che te sei na strìa | per via dei zòveni | che te sospira, | e le done, Veronica, le done! | Quele le dis che bisogneria brusarte, | serarte l'us en facia | come a na cagna calda, | rognosa, e le matèle | le sbassa i òci, le diventa | rosse come le fragole | demò a pensar a ti. | Ma quando che te passi cole man sui fianchi | fra 'n coridor de ociàde e de silenzi, | te 'nipienissi 'l paés | e tase anca le róndole | per scoltar la tò voze cantarina | che rimbalza sui muri dele case, | sule porte serade, | dapertut, dapertut!'' (da ''Veronica dei paesi'', p. 329)
*''Na porta che se daverze, | na porta che se sèra. | Come 'n libro smanzolà | da na pagina al'altra, | senza veder del tut quel gh'è dentro. || L'istes che no aver òci per vardarse, | nè parole da dirse, | nè brazzi longhi abastanza | per butàrsei ados. || Na porta che se daverze, | na porta che se sèra. | Come na lengua, 'n molinèl de fòch | che se 'mpizza de colp e pò se smorza. | E 'l temp che no 'l ga pu fisonomia.'' (da ''Le formighe del temp''; in ''Veronica dei paesi'', p. 333)
9 943

contributi