Differenze tra le versioni di "Ultime parole dalle serie televisive"

Etichetta: rimozioni
 
===''[[I segreti di Twin Peaks|Twin Peaks]]''===
*Ho un'anima solitaria.
:''J'ai une âme solitaire.'' ('''Harold Smith''')
::{{spiegazione|Dopo aver letto il vero diario segreto di Laura Palmer, Dale Cooper e lo sceriffo Truman inviano il vice sceriffo Hawk a prelevare il custode del diario, l'agorafobico Harold Smith, per interrogarlo. Tuttavia, Hawk trovo il cadavere del giovane, impiccatosi dopo aver lasciato un biglietto: egli infatti si era disilluso sul genere umano a seguito del comportamento di Dana, che si era finta innamorata per carpirgli il diario.}}
 
*Qualcuno mi auti! Aiuto! ('''Maddy Ferguson''')
::{{spiegazione|Il giorno della sua partenza, la cugina di Laura Palmer Maddy Ferguson entra nel salotto di casa Palmer trova un inquietante scenario: mentre sua zia Sarah è svenuta sul pavimento entra in scena zia Leland Palmer, che però si trasfigura rivelando di essere posseduto dallo spirito BOB e di essere l'assassino di Laura. La ragazza terrorizzata prova a scappare, ma Leland/BOB prima la neutralizza picchiandolo: successivamente, dopo aver ballato con lei la scaglia violentemente contro un muro uccidendola.}}
 
*Laura... ('''Leland Palmer''')
::{{spiegazione|Arrivato alla soluzione del mistero, Dale Cooper riesce con l'inganno a far rinchiudere in cella Leland Palmer, posseduto da BOB. Interrogato da Cooper, dall'agente Albert Rosenfield e dallo sceriffo Truman, lo spirito confessa gli omicidi di Laura, Maddy e Teresa Banks e deride follemente Cooper e il suo corpo ospitante, Leland. Mentre i tre uomini discutono fuori dalla cella, BOB costringe Leland a scagliarsi fortemente contro la porta della cella, per poi abbandonarlo per sempre, mentre il poveretto viene raggiunto dai tre. Lucido dopo tanto tempo, Leland si dispera per tutte le malvagità che è stato costretto a perpetrare: tuttavia viene confortato dall'agente Cooper con la meditazione trascendentale e spira in pace, con negli occhi una visione della figlia Laura.}}
 
*Ehi, ti conosco per caso? ('''Jean Renault''')
::{{spiegazione|Deciso a cogliere il flagrante Jean Renault e il suo complice nella polizia canadese, Cooper finge una trattativa per della droga con loro, ma viene preso in ostaggio. Lo stallo fra criminali e poliziotti dura fino a tarda notte, e lo sceriffo Truman invia una cameriera con del cibo. Tuttavia, Renault crede di aver già visto la cameriera: essa infatti è in realtà l'agente transessuale Denise Byrone, il cui alter ego maschile, Dennis, aveva già incontrato Jean. Approfittando della confusione, Cooper recupera una pistola da una fondina nascosta nella caviglia di Denise e spara due colpi a Renault.}}
 
*Josie, per l'amor di Dio... ('''Thomas Eckhardt''')
::{{spiegazione|Decisi a sbarazzarsi di Thomas Eckhardt e Josie, pericolosi per le loro attività criminose, Catherine Martell e suo fratello Andrew consegnano la ragazza a Eckhardt in una stanza del Great Northen Hotel, per poi avvisare lo sceriffo Truman e Cooper: il loro piano infatti è che Eckhardt, ex socio di Andrew nonché protettore di Josie, uccida la ragazza per poi essere ucciso dagli agenti. Tuttavia, Josie riesce a rubare la pistola del criminale e, sotto gli occhi di Cooper e Truman, lo uccide con un colpo di pistola.}}
 
*Non ho mai avuto intenzione di farti del male. ('''Josie Packard''')
::{{spiegazione|Cooper e Truman raggiungono la stanza in cui si trovano Josie e Echardt, ma sono costretti a puntare le loro armi contro la ragazza dopo che questa uccide il criminale. Cooper rivela a Josie di aver capito che era stata lei a sparargli tempo prima, e le intima di gettare l'arma. Sotto shock, la ragazza dice di non aver mai voluto far del male a Cooper, ma in quel momento muore improvvisamente, quasi di paura: mentre Truman piange l'amata, Cooper ha una visione del Nano e del perfido BOB, per poi vedere quello che sembra lo spirito di Josie rimanere intrappolato nella maniglia del comodino della camera.}}
 
*Ma che diavolo hai intenzione di fare? ('''Rusty Tomasky''')
::{{spiegazione|Windom Earle, nemesi dell'agente Cooper, ha attirato con l'inganna un vagabondo, tale Rusty Tomasky, costruendogli attorno una strana scultura. Rusty, ubriaco e fatto, è divertito da tutto ciò, ma smette di ridere quando Windom, armato di balestra, ordina a Leo Johnson, che ha schiavizzato con l'utilizzo di un collare elettrico, di portargli una freccia. Nonostante la resistenza di Leo, Windom prende la freccia, e dopo aver detto a Rusty che lo invidia per il viaggio che sta per fare lo uccide sparandogli la freccia in faccia: la scultura verrà poi completata, creando un pedone degli scacchi con all'interno il cadavere di Rusty.}}
 
*Oh, merda! ('''Andrew Packard''')
::{{spiegazione|Dopo la morte di Eckhardt Andrew Packard riceve da lui per posta un misterioso rompicapo, che all'interno cela una chiave per una cassetta di sicurezza della banca di Twin Peaks. Andrew si reca dunque alla banca col cognato Pete Martell, e si fa condurre dal vice direttore nel caveu, dove nel frattempo si è incatenata Audrey Horne per protesta. Aperta la cassetta di sicurezza, all'interno viene trovata una bomba, in procinto di scoppiare: mentre Audrey si salva poiché Pete le fa scudo col proprio corpo, quest'ultimo, il vicedirettore e Andrew muoiono nell'esplosione.}}
 
*Se mi dai la tua anima, lascerò vivere Annie! ('''Windom Earle''')
::{{spiegazione|Quando la sua nemesi Windom Earle rapisce la sua fidanzata Annie, Cooper li insegue fin dentro la Loggia Nera. Qui, dopo alcuni incontri con gli spiriti del luogo, Cooper si imbatte in Windom, che sta diventando nel frattempo un demone e che dichiara che lascerà andare Annie solo se Cooper gli cederà la propria anima. Cooper acconsente, ma in quel momento spunta BOB, che annulla il patto: Windom è un demone da troppo poco tempo per poter reclamare un'anima e per tanto la sua viene estratta da BOB sotto forma di fiamma.}}