Ultime parole da Il padrino: differenze tra le versioni

 
===[[Il padrino - Parte III]]===
*Ti ho detto scannala, dai muoviti! ('''Primo Sicario''')
::{{spiegazione|
 
*No, ti prego, no! ('''Secondo Sicario''')
 
*è il mio portafortuna! è il mio portafortuna! ('''Don Albert Volpe''')
::{{spiegazione|Durante un meeting con la cupola mafiosa, Michael Corleone distribuisce come buonuscita i soldi della vendita dei suoi casinò ai vari boss del meeting, tranne che a Joey Zasa, boss di quartiere che aveva insultato i Corleone e che se ne va furioso dal meeting: subito dopo, un elicottero spara una raffica di mitragliatrice contro l'edificio. Mentre Michael, Vincent e il fido Al Neri riescono a fuggire, tutti i boss cadono uno dopo l'altro: tra di essi, Albert Volpe si getta sulla propria giacca, urlando istericamente che si tratta del proprio portafortuna, venendo crivellato di colpi appena la afferra.}}
 
*Tu fai a fare in culo da un'altra parte! E vattene! ('''Anthony "La Formica" Squigliaro''')
::{{spiegazione|Con Michael in coma a seguito dell'attentato alla Commissione dei mafiosi, Vincent decide di vendicarsi uccidendo Zasa, con l'approvazione di Connie e del viceboss Al Neri. Durante la festa di San Gennaro, Joeyil Zasaboss di quartiere passeggia scortato dalle sue guardie del corpo per le vie di Little Italy: ad un certo punto un giovane, Lou Pennino, si siede sull'auto nuova del boss rigandola. Furente, Zasa gli manda contro il suo braccio destro Anthony "La Formica" Squigliaro: il mafioso riesce ad allontanare il giovane, ma in quel momento uno degli uomini che trasportava la statua della madonna in processione spara a Squigliaro con un fucile uccidendolo.}}
 
*Aprite, Aprite! ('''Joey Zasa''')