Ultime parole da Il padrino: differenze tra le versioni

 
===[[Il padrino - Parte III]]===
*è il mio portafortuna! è il mio portafortuna! ('''Don Albert Volpe''')
::{{spiegazione|Durante un meeting con la cupola mafiosa, Michael Corleone distribuisce come buonuscita i soldi della vendita dei suoi casinò ai vari boss del meeting, tranne che a Joey Zasa, boss di quartiere che aveva insultato i Corleone e che se ne va furioso dal meeting: subito dopo, un elicottero spara una raffica di mitragliatrice contro l'edificio. Mentre Michael, Vincent e il fido Al Neri riescono a fuggire, tutti i boss cadono uno dopo l'altro: tra di essi, Albert Volpe si getta sulla propria giacca, urlando istericamente che si tratta del proprio portafortuna, venendo crivellato di colpi appena la afferra.}}
 
*Joey Zasa, sei un gran figlio... Di puttana... ('''Don Matty Parisi''')
::{{spiegazione|Durante un meeting con la cupola mafiosa, Michael Corleone distribuisce come buonuscita i soldi della vendita dei suoi casinò ai vari boss del meeting, tranne che a Joey Zasa, boss di quartiere che aveva insultato i Corleone e che se ne va furioso dal meeting: subito dopo, un elicottero spara una raffica di mitragliatrice contro l'edificio. Mentre Michael, Vincent e il fido Al Neri riescono a fuggire, tutti i boss cadono uno dopo l'altro: per ultimo il vecchio amico di Michael Matty Parisi, che maledice Zasa per poi morire per le ferite riportate.}}
 
*Tu fai a fare in culo da un'altra parte! E vattene! ('''Anthony "La Formica" Squigliaro''')
::{{spiegazione|Durante la festa di San Gennaro, Joey Zasa passeggia scortato dalle sue guardie del corpo per le vie di Little Italy.: Adad un certo punto un giovane, Lou Pennino, si siede sull'auto nuova del boss rigandola:. furenteFurente, Zasa gli manda contro il suo braccio destro Anthony "La Formica" Squigliaro.: "Lail Formica"mafioso riesce ad allontanare il giovane, ma in quel momento uno degli uomini che trasportava la statua della madonna in processione spara a Squigliaro con un fucile uccidendolo.}}
 
*Aprite, Aprite! ('''Joey Zasa''')
 
*Ma io ti riconosco! Tu Mosca sei! Da Montelepre! Eri un assassino... e lo sei ancora un assassino! Fituso! ('''Don Tommasino''')
::{{spiegazione|Deciso a vendicarsi sui suoi nemici, Michael si reca in Sicilia dal fedele Don Tommasino, vecchio alleato di Don Vito, con cui organizza un piano di battaglia. Il giorno dopo, Tommasino sta tornando alla sua villa quando si imbatte in due sacerdoti a piedi, ma appena fa per salutarli si accorge che uno di loro è Mosca da Montelepre, temuto sicario: temendo che si stia recando alla villa per uccidere Michael, Tommasino prova a fuggire in macchina per avvisarlo, ma viene crivellato di colpi da Mosca e il suo braccio destro.}}
::{{spiegazione|L'anziano padrino siciliano Don Tommasino, fedele ai Corleone fin dai tempi in cui fu protettore di Michael dopo l'omicidio di Solozzo, torna alla propria casa. Qui vi trova un uomo, un uomo che riconosce subito: è infatti Mosca, famoso sicario. Il criminale infatti è venuto appositamente per ucciderlo, su ordine di Don Altobello.}}
 
*L'hai ammazzato sto fituso? ('''Francesco''')
::{{spiegazione|Francesco, una delle due guardie del corpo assunte per proteggere Michael, trova durante un'ispezione suo fratello gemello, Armando, che apparentemente ha fra le mani il cadavere del sicario Mosca, inviato ad uccidere Michael: soddisfatto, Francesco si avvicina al fratello, ma viene pugnalato da Mosca, che aveva già ucciso Armando in precedenza e si era messo in posa per ucciderlo.}}
 
*Tu sei molto magra, mangia anche tu! Uhm, è buono! Grazie! ('''Don Ozzie Altobello''')
 
*No, vi prego, no! ('''Frederick Keinszing''')
::{{spiegazione|Fuggito a seguito di uno scandalo che ha rivelato i suoi intrighi con la chiesa, il banchiere Frederck Keinszing si sta riposando nell'appartamento di Londra in cui si trova quando viene improvvisamente aggredito da due sicari di Vincent, che lo soffocano con un cuscino: successivamente il suo cadavere, da cui cadono mazzette di banconote, sarà impiccato al ponte dei Neri, simulandone il suicidio.}}
 
*L'hai ammazzato sto fituso? ('''Francesco''')
::{{spiegazione|Francesco, una delle due guardie del corpo assunte per proteggere Michael, trova durante un'ispezione suo fratello gemello, Armando, che apparentemente ha fra le mani il cadavere del sicario Mosca, inviato ad uccidere Michael: soddisfatto, Francesco si avvicina al fratello, ma viene pugnalato da Mosca, che aveva già ucciso Armando in precedenza.}}
 
*Oh, Signore onnipotente... ('''Arcivescovo Liam Gilday''')
::{{spiegazione|DopoVenuto avera fattosapere avvelenareche il papa, cheamico stavadi indagandoMichael, suisi suoista battendo per mettere alla luce gli intrighi tra trafficiclero, politica e mafia, l'arcivescovo Liam Gilday, sialleato ritiradi neiAltobello, proprilo appartamenti:fa sulleavvelenare scalecon peròuna sitazza ritrovadi inaspettatamentetè. davantiSoddisfatto ale braccioconscio destroche diprobabilmente Michaeldiventerà Corleoneil nuovo papa, l'arcivescovo si ritira nei suoi appartamenti, ma sulle scale si ritrova davanti Al Neri, che glilo uccide sparacon due colpi di pistola facendolobuttandolo precipitarepoi nella tromba delle scale.}}
 
*'''Licio Lucchesi''': Chi costruisce sulla gente costruisce sul fango. Allora, il messaggio di Michele Corleone? <br />'''Calò''': Eccolo. È una cosa molto importante, perciò ve lo debbo dire all'orecchio. "Il potere logora chi non ce l'ha!"