Differenze tra le versioni di "Firenze"

941 byte aggiunti ,  2 anni fa
(→‎Cristina Campo: "Sopratutto", senza raddoppio, è nella fonte, or ora verificata. Per favore, non si facciano correzioni arbitrarie. Grazie.)
*''Che bella Firenze le sere d'estate, | le luci del centro, le nostre risate...'' ([[Brunori Sas]])
*Che situazione è quella di Firenze! La pianura, al centro della quale è incastonata, è coperta di alberi di ogni genere, soprattutto da frutto. In primavera, Firenze è in mezzo a un ''bouquet'' di fiori e merita di portare il proprio nome.<br>Ma, man mano che ce ne allontaniamo, il terreno diviene irregolare, la coltivazione monotona, la terra sterile, gli uomini rari, le donne brutte, le greggi magre. Tutta la natura, infine, degenera. ([[Charles Dupaty]])
*Chi giunge qui con tutta la sua anima e non solo con l'interesse della mente, o degli occhi, ma con tutti i suoi sentimenti, con tutta la sua energia, tutto ciò che ha vissuto, verità e inganni, gioie, dolori, sogni – costui non se ne andrà senza profonde intuizioni spirituali. Più vicino a Firenze è colui che ama. Per i pellegrini dell'amore essa è santa; nella sua aria luminosa il cuore brucia più lieve e puro. La felicità dell'amore qui è più nobile, la sofferenza più bella, il distacco più dolce. In questo antico cimitero dell'amore troppe anime sono state immolate e troppe preziose lacrime sono state sparse per non credere alla redenzione. Tutto ciò che qui è stato creato, è stato creato solo per amore. ([[Pavel Muratov]])
*''E come 'l volger del ciel della [[luna]] | cuopre e riscopre i [[lite|liti]] sanza posa, | così fa di Fiorenza la [[Fortuna]]: | per che non dee parer mirabil cosa | ciò ch'io dirò delli alti Fiorentini | onde è la fama nel tempo nascosa''. ([[Dante Alighieri]], ''[[Divina Commedia]]'')
*''E tu prima, Firenze, udivi il carme | che allegrò l'ira al [[Dante Alighieri|Ghibellin fuggiasco]], | e tu i cari parenti e l'idïoma | dèsti a quel dolce di [[Francesco Petrarca|Calliope labbro]] | che Amore in Grecia nudo e nudo in Roma | d'un velo candidissimo adornando, | rendea nel grembo a Venere Celeste.'' ([[Ugo Foscolo]])
*Erano i gradevoli modi dei fiorentini, assai più dei monumenti d'arte e di storia, a rendere delizioso il ritorno fra loro. Avrei preferito avere in vendita perpetua il sorriso del cameriere che saliva a portarci il caffè la mattina, anziché il S. Giorgio di [[Donatello]]. Il viso traboccante di affetto materno della vecchia Maria, la cameriera, era migliore della facciata di [[Basilica di Santa Maria Novella|S. Maria Novella]]. ([[William Dean Howells]])
*Firenze è viva e la sua anima non è tutta nei quadri e nei palazzi. Essa parla con ciascuno di noi in una lingua semplice e comprensibile come la lingua materna. ([[Pavel Muratov]])
*Fiorenza [[giglio]] di potenza virgulto primaverile. Le mattine di primavera sull'Arno. La grazia degli adolescenti (che non è grazia al mondo che vinca tua grazia d'[[Aprile]]), vivo vergine continuo alito, fresco che vivifica i marmi e fa nascere Venere Botticelliana... ([[Dino Campana]])
*Firenze è bella, ma molto umida. Ma le rose fioriscono ancora nel giardino di Boboli all'aria aperta. E quali tesori nelle gallerie! Dio mio, guardai la Madonna della Seggiola nel '63; la guardai una settimana e soltanto ora l'ho vista. Ma oltre ad essa quanto ancora di divino. ([[Fëdor Dostoevskij]])