Differenze tra le versioni di "Canti popolari"

*{{NDR|Nel 1799 lazzaroni e sostenitori del Cardinale Ruffo per le strade di Napoli cantavano:}} ''Signo', mpennimmo a chi t'ha tradute | muonace, prievete e cavaliere, | lievet' 'a ccà, miettete 'a llà | e cauce nfaccia alla Libertà.''<ref>Citato in ''Napoli, punto e basta?'', p. 592.</ref>
*''Vi quant'è bella [[Napoli|Napule]] | pare nu franfellicco<ref>Zucchero caramellato modellato in forma di bastoncino. Era venduto dal ''franfelliccaro''. Franfellicco deriva dal francese ''fanfreluche'' (in francese antico ''fanfeluc'': fronzolo), che deriva dal basso latino ''famfaluca'' che risale a sua volta al greco ''pomphólux'': bolla d'aria. {{cfr}} Francesco D'ascoli, ''C'era una volta Napoli. {{small|Mestieri, oggetti, frutti, giochi infantili scomparsi o in via di estinzione}}'', prefazione di Gianni Infusino, Loffredo Editore, Napoli, 1987, p. 17.</ref>: | ognuno vene e allicca | arronza e se ne va.''<ref>Citato in Vanda Monaco, ''La comunicazione teatrale, {{small|momenti di spettacolo teatrale dagli anni cinquanta a oggi}}'', Patron, 1981, [https://books.google.it/books?id=keELAQAAMAAJ&q=vi+quant%27%C3%A8+bella+napule&dq=vi+quant%27%C3%A8+bella+napule&hl=it&sa=X&ved=0ahUKEwj5nO309oLdAhWJ-aQKHdxgDMcQ6AEILDAB], p. 317</ref>
*''Vorria addeventare prevolillo<ref>Scaldino.</ref>| pe fa ste coscetelle caude stare, | quand'è lo vierno, che te vuoi scarfare<ref>Riscaldare.</ref>. || Vorria addeventare lenzolillo<ref>Lenzuolino.</ref>, | che quand'isse la sera a reposare, | ste carne toi potesse accarezzare. || Vorria addeventare polecillo <ref>Pulce.</ref>, | pe potere ste carne cammenare | e sto pietto, e ste carne mozzicare<ref>Mordere.</ref>. || Ma {{sic|ahimè}}, ca so' arredutto sorecillo<ref>Perché sono ridotto topolino.</ref>, | e mo' che m'hai 'ncappato a lo mastrillo<ref>E ora che mi hai preso nella tua trappola.</ref>, | tu te ne ride, et io sospiro e strillo!'' <ref>''Lo sorecillo'', ''Il topolino'', villanella anonima del XVI secolo. Citato con traduzione in [[Raffaele Giglio]], ''Letteratura delle regioni d'Italia, Storia e testi, Campania'', Editrice La Scuola, Brescia, 1988, p. 147. ISBN 88-350-7971-3.</ref>
 
==Piemontesi==