Fabrizio Corona

personaggio televisivo, imprenditore e scrittore italiano (1974-)

Fabrizio Corona (1974 – vivente), imprenditore e personaggio televisivo italiano.

Fabrizio Corona, 2009

Citazioni di Fabrizio CoronaModifica

  Citazioni in ordine temporale.

  • Il caso di Sara Tommasi? La conosco da 15 anni. Sara è una brava ragazza, quando studiava alla Bocconi era fidanzata, le proponevi lavori trash e lei rifiutava. Poi si è bruciata il cervello con le droghe e ora ha una malattia mentale tipo bipolarismo ed è ninfomane. Sarà stata con 5 mila uomini nell'ultimo mese. [...] Chi ci va a letto a me fa pena, è come approfittarsi di uno che sta sulla carrozzina, come andare con un malato. Chi va con la Tommasi ed è convinto di essere figo è il più grande sfigato della terra. Anzi se lo vedo gli darei uno schiaffo, lo prenderei a botte. Chi ha fatto il film con lei è vergognoso, perché è vergognoso fare soldi con lei.[1]
  • Non parlo francese... mon amour.[2]

La cattiva strada

google.it, e-book, Mondadori, Milano, 2016.

  • Calciatore, portiere, attore. Giornalista, cantante, presidente del consiglio, oggi so che posso essere tutto. E sapete perché? Perché sono il figlio di Vittorio Corona. Vittorio Corona è figlio di Aurelio Corona, capocronista del quotidiano «La Sicilia» e nipote di Gaetano Emanuel Calì, compositore siciliano la cui statua campeggia a Villa Bellini, a Catania. Non potete immaginare quante volte io e Francesco ci siamo messi sotto la statua per vedere chi gli somigliasse di più. Mio fratello ci portava le ragazze: «Questo è il mio bisnonno» diceva «mi adorava» (nessuna che avesse mai controllato la data di morte del musicista e constatato l'impossibilità che questi avesse conosciuto il suo bisnipote. La statua nel parco rappresentava prima di tutto una responsabilità. Ciascuno di noi aveva il dovere di mantenere alto il buon nome della famiglia. Mio nonno lo aveva fatto, ora toccava a mio padre (dopo, molto dopo, sarebbe toccato a noi).
  • Mio padre inizia la sua carriera di giornalista presso «La Sicilia», occupandosi di cronaca nera. Intelligente, coraggioso, grande intuito, dicono di lui i colleghi di allora. A vent'anni sposa mia madre Gabriella, siciliana pure lei, da cui ha tre figli: Francesco, me e Federico. Viviamo a Catania, dove cresciamo e andiamo a scuola. L'estate la trascorriamo ad Aci Trezza, paese natale di mio padre. Nel 1981 va a lavorare alla Telecor, emittente privata, che abbandona appena scopre che il proprietario è colluso con la mafia. Amareggiato, capisce che non è possibile combatterla sul campo. Decide allora di andare a Milano, nonostante l'opposizione di suo padre: «Se te ne vai, non contare più su di me». Lui parte, lasciando la famiglia a Catania, con mia madre incinta di Federico. L'idea è di farci trasferire una volta che si sia sistemato. Non è detto che le cose vadano bene però, mio padre lo mette in conto, e se sarà così, farà ritorno a casa. Ecco un'altra sua qualità: non temere le sconfitte. Mille volte si cade e mille volte ci si rialza.
  • A Milano le cose vanno molto meglio del previsto: caporedattore di «Novella 2000», poi vicedirettore di «Annabella», quindi direttore di «Grazia». In pochi anni fa carriera. Nell'ambiente tutti lo conoscono e lo stimano. Ma la vera svolta arriva con la proposta della Nuova Eri, casa editrice della Rai: fondare un mensile di moda. Così crea «Moda» e, dopo qualche anno, «King». Questo è stato Vittorio Corona fino a ora, alla festa di «Moda» a Palazzo Reale, dove guarda tutti dall'alto della scalinata, come da fuori, come fosse già morto, e pensa: «Tutto questo l'ho creato io». Li benedice dall'alto. Come un re, come un dio. Perché questo mondo senza di lui non ci sarebbe.

Citazioni su Fabrizio CoronaModifica

  • [Sulla sua condanna a 15 anni di carcere] Penso tutto il male possibile. Non solo la pena è esagerata, ma è tragica. È addirittura ridicola. Va bene, d'accordo: è un ragazzaccio, sbruffone, bullo, spavaldo, selvaggio... tutto quello che volete... ma da lì ad avere una punizione degna di un assassinio ce ne corre. "Pericoloso per la società"? Ma per favore... Sono altri i soggetti veramente dannosi, mortali. Non so perché, ma nessuno mi toglie dalla testa che se fosse stato brutto, piccolo, magro e strabico la condanna sarebbe stata più equa. Pensa te... Invece è bello come il sole. (Mina)
  • Asia Argento si conferma una gran cinofila: dopo aver baciato sulla bocca il cane, ha limonato con Corona.[3] (Vittorio Feltri)
  • È il più grande amore della mia vita. Se lo risposerei? Assolutamente sì. Nonostante sia una testa di rapa, ha tanti difetti, ma ha un pregio, ha un cuore. Non lo dimostra spesso, ma è così. Io mi fido di lui oggi, una volta non mi fidavo, ma oggi sì. Lui è un narcisista patologico e vive per il denaro, ama lavorare. Lui non mi ha mai ferita facendomi del male atroce. Noi ci lasciammo nel 2009, non andavano bene le cose e non appoggiavo certi suoi atteggiamenti lavorativi. Mi ha fatto male questa separazione, ma lui mi ha sempre protetta. Eravamo innamorati follemente, ma poi l’amore si è spento con la fiducia. Oggi come oggi, posso dire che riesco a comunicare meglio con lui: ci sentiamo tutti i giorni, è come essere fratello e sorella. Nostro figlio Carlos è felicissimo. Ci siamo fatti delle guerre inutili in questi anni. (Nina Morić)
  • Senta Corona, se lei è innocente, io sono femmina! (Antonio Di Pietro)

NoteModifica

  1. Citato in Corona For President!, Dagospia.com, 11 luglio 2012.
  2. Rispondendo alla domanda di una cronista, in una pausa dell'udienza di convalida dell'arresto a Lisbona; citato in Corona alla giornalista: "Non parlo francese, mon amour", LiberoQuotidiano.it, 24 gennaio 2013.
  3. Da un tweet dell'8 novembre 2018.

FilmografiaModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica